cem_w.jpg
Violini.jpg
  • torna a #cervofestival
  • Edizione 2014
  • Edizioni precedenti
  • Archivio fotografico
  • Registrazioni audio
  • Le Agenzie di prenotazione
  • Scheda Serata
    Dettagli
    Evento
    51 Festival Internazionale di Musica da Camera 
    Data
    08-08-2014 
    Titolo
    Geringas Trio 
    Luogo
    Piazza dei Corallini 
    Artisti
    Programma della serata
    Note al programma
    Strauss fu compositore incredibilmente precoce: a sei anni scrisse le sue prime composizioni per pianoforte e il suo primo Lied, a otto il primo lavoro orchestrale, a undici la prima composizione da camera e a dodici firmava la Festmarsch per orchestra, a cui attribuiva l'opera 1 e che veniva pubblicata nel 1881, quando non aveva che diciassette anni.
    Allo stesso periodo risalgono, inoltre, numerosissimi lavori, come il Trio n. 2 in Re maggiore e la Sinfonia in re minore eseguita a Monaco il 14 marzo 1880, a cui non venne assegnato il numero d'opera. Si tratta di composizioni che si collocano nel solco della tradizione: è lo Strauss che Hans von Bülow, in una lettera del 9 ottobre 1884 all'impresario Albert Gutmann, aggregò alla “klassische Schule”.
    La Sonata Op. 6 venne iniziata nel 1881, ma fu composta nell'inverno 1882-83 e pubblicata nel 1883, con dedica “al suo caro amico Hans Winan”. Winan era membro di un quartetto in cui il ruolo di primo violino era sostenuto da Benno Walter, insegnante di Strauss. Nell'autunno del 1883 fra Strauss e la moglie di Winan, la pianista Dora Weis, era scoppiato un colpo di fulmine che avrebbe condotto in breve al naufragio del matrimonio e al divorzio. Hans Winan volle tenere tuttavia la prima esecuzione della Sonata, che ebbe luogo a Norimberga l'8 dicembre 1883, con la pianista Hildegard von Königsthal.
    Nella Sonata Op. 6 per violoncello e pianoforte si riscontra il possesso precoce di un mestiere molto solido, sebbene l'indirizzo poetico dell'opera non sembri ancora improntato a particolare originalitĂ .
    Un posto importante nella creazione strumentale di Brahms è occupato dai sei trii che, per ampiezza architettonica e limpidezza discorsiva, vanno collocati tra i capolavori del compositore. L'Op. 87, a volte criticata per un eccessivo tecnicismo costruttivo, è in realtà uno splendido esempio della maestria compositiva di Brahms, capace di far germogliare scarni frammenti tematici in un intreccio solido ed essenziale.

    « Torna Indietro «

    Proseguendo la navigazione acconsenti all\'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
    Per maggiori info: http://www.cervo.com/public/privacy.pdf